domenica 9 gennaio 2011

tronchetto di Navarrenx


 
Volete sapere come nasce questo dolce e perche' si chiama cosi'?
Ora ve lo spiego.
Come sapete ero in Francia per le feste di Natale, in una piccola cittadina
di nome Navarrenx.
Se volete sapere dove si trova , guardate alla fine del post.
Il giorno prima di partire era una domenica grigia, gli altri giorni il tempo
e' stato bellissimo e il clima piacevole, mia cugina Orietta ed io volevamo
fare un dolce.
Ma c'erano pochi ingredienti e cosi' l'unico dolce che potevamo fare era il
rotolo con panna e frutti di bosco.
E cosi' lo abbiamo fatto e devo dire che e' piaciuto molto, ho voluto
dedicarlo a questa cittadina che ci ha ospitato per una settimana, dove ci
siamo trovati benissimo.
Gli abitanti sono delle persone squisite e gentilissime sembrava di essere
a casa nostra, tutti ci salutavano per strada senza averci mai conosciuto.
Ho un bellissimo ricordo di questo angolo di paradiso.
INGREDIENTI
per la pasta biscotto cliccare qui
troverete gli ingredienti e il procedimento
fotografato passo per passo
per il ripieno
ml. 250 panna fresca
zucchero a velo
frutti di bosco e fragole fresche
marmellata
2 ferrero roches per guarnire
non avevamo altro.

PROCEDIMENTO


Mettete in una padellina la frutta fresca con lo zucchero a velo e fatela
asciugare. Abbiamo fatto questo perche' la frutta era acerba.
Montate la panna, non zuccherata
Aprite il rotolo e spalmate un velo di marmellata, noi avevamo quella di
lamponi.
Abbiamo messo 3/4 della panna e poi i frutti di bosco raffreddati.
Ora arrotolate e ponetelo in un piatto da portata
Con la panna rimasta ricoprite il rotolo.
Con la forchetta fate delle linee verticali
sbriciolate 2 ferrero roches , meglio se avete cacao in polvere , date una
spolverizzata


Navarrenx è un comune francese di 1.133 abitanti situato nel dipartimento
dei Pirenei atlantici nella regione dell'Aquitania.

BUON APPETITO
DA
ANTONELLA E ORIETTA

8 commenti:

Alda e Mariella ha detto...

Davvero delizioso questo tronchetto! Ti è riuscito veramente bene...brava!
Ps: hai un blog molto carino....è la prima volta che ti abbiamo fatto visita ma lo faremo spesso!
Baci

Lauradv ha detto...

Un tronchetto che invita all'assaggio!

aleste ha detto...

Un rotolo veramente goloso e ben riuscito.Complimenti!Posso averne una fetta?

mariacristina ha detto...

Magnifica questa versione del rotolo! Un abbraccio.

rossella ha detto...

Ciao bentrovata anche io in queste feste ho fatto un tronchetto ma decorato e con un ripieno differente dal tuo, devo dire che il tuo e' stupendo e anche golosissimo, mi segno la ricetta!!! Un abbraccio e buon inizio di settimana!!

Francesca ha detto...

Beh... ho assaggiato una fetta di un rotolo fatto con gli stessi ingredienti, l'anno scorso ad una malga in montagna: inutile dire che era divino... Immagino anche il vostro!! Ma della zona che hai appena visitato, non hai nessuno scatto?? Mi piacerebbe vederla e valutare una futura visita... ^_^
Franci

Isa ha detto...

Favoloso il tuo tronchetto e accompagnato da un Jurançon, il massimo. Mi ricordo questo vino molto buono, assaggiato durante vacanze da giovane nei Pirenei. Ho fatto anch'io un tronchetto per rispettare la tradizione francese natalizia, farcito in modo diverso. Il bello che tutte le fantasie sono permesse.
Complimenti. Mi associo alla domanda di Francesca, alcune foto della zone serabbero molto gradite.
Un abbraccio e buona settimana

Isa ha detto...

Scusa, per il vino ho confuso con "La cucina di Antonella". Ha parlato di questo vino Jurançon per accompagnare del Foie gras de canard frais cucinato durante un suo soggiorno in Francia.
Ciao di nuovo